Percorso

Vivere la storia e il presente lungo la Via Sett. 

Vivere la storia e il presente lungo la Via Sett.
Praticare dell’escursionismo sulla Via Sett non significa solo attraversare culture e regioni linguistiche differenti, ma anche tra paesaggi molto variegati.
Dal Passo del Settimo (2310 m) a Chiavenna (333 m), si passa da una vegetazione prettamente alpina, ad una vegetazione mediterranea.

La Via Sett inizia a Thusis, attraversa la gola di Schin che porta alle terrazza di Mon, Salouf e Riom per poi continuare verso Savognin, sulle orme di Giovanni Segantini. Qui si potrà ascoltare il dialetto di Surmiran, dialetto particolare di questa regione, e poi su verso l’Alp Flix, con la sua palude di importanza nazionale. Qua e là sono visibili testimonianze minerarie. Presso l’Alp Natons il percorso attraversa un bosco di cembri per poi scendere verso Bivio, con una vista sul bacino della Marmorera. Con il sentiero storico, la Via Sett attraversa il Passo del Settimo, per poi scendere verso Casaccia e Vicosoprano, paese principale della Bregaglia. Attraversando Stampa e Coltura si raggiunge Promontogno. Qui le rocce formano una barriera che divideva la Bregaglia in Sopra e Sottoporta, dove si trovava la stazione doganale “Müraia”. Con una deviazione verso Soglio e attraverso il castagneto di Castasegna, dopo sei giorni di trekking raggiungiamo Chiavenna, la più bella città alpina.